Nella giurisprudenza italiana in virtù della legge 248 del 18 agosto 2000 anche i testi pubblicati su internet godono della tutela del diritto d’autore già stabilito dalla precedente legge 633 del 22 aprile 1941. La loro riproduzione integrale o parziale è pertanto libera in presenza di scopi culturali e al di là di contesti di lucro, da questo lecito uso fuori del consenso dello scrittore si devono necessariamente poter evincere i seguenti dati: il link del testo, il titolo, l’autore e la data di pubblicazione; il link della homepage del suo contenitore web. Copiare non rispettando queste elementari norme rappresenta un illecito.

mercoledì 1 giugno 2011

IL PROF. VINCENZO PALAZZOLO

UN LERCARESE FILOSOFO DEL DIRITTO

di DANILO CARUSO

Vincenzo Palazzolo nacque a Lercara Friddi il 30 gennaio 1913, da Benedetto ed Ele­onora Filiti (lo stesso giorno fu battezzato al Duomo con i nomi di Vin­cenzo Francesco Maria). Con la sua famiglia andò via non molti anni dopo, tant’è che proseguì i suoi studi al Liceo “Pellegrino Rossi” di Massa, per poi continuare alla Facoltà di giurisprudenza a Pisa (ottenne uno dei posti a concorso in un collegio universitario). Frequentò anche la Facoltà di lettere, e al momento della laurea scelse di fare il professore di filosofia (insegnò a Gubbio e quindi a Pisa). Quando vinse il concorso universitario per docente di diritto si recò dapprima a svolgere la professione a Camerino (nella cui università, dopo essere stato preside della Facoltà di giurisprudenza, raggiunse pure il titolo di rettore nel 1957-60). Si trasferì infine a Pisa: qui fu direttore dell’Istituto di filosofia del diritto e preside della Facoltà di giurisprudenza (1969-72 / 1975-87). Nel 1972-75 ricoprì l’incarico di rettore dell’università pisana. Fu discepolo di Widar Cesarini Sforza e Giacomo Perticone, noti studiosi della sua epoca, e attivista politico marxista per un certo periodo. Negli anni ’70 fondò la rivista “Prassi & teoria”. Presiedette anche l’Associazione laureati dell’ateneo pisano e fece parte della commissione consultiva della Società italiana di filosofia giuridica per quattro mandati dal 1963 al 1974. Morì a Pisa il 10 giugno 1989. A lui è stato dedicato, lavoro di diversi scrittori, un volume, Studi in onore di Vincenzo Palazzolo, edito mentre era ancora in vita nel 1986. Un elenco di sue opere: Contributo allo studio dei rapporti fra economia e diritto / con un saggio di Widar Cesarini Sforza (1953), Democrazia e persona (1964), Economia e diritto / con una prefazione di Eugenio Ripepe e un saggio di Domenico Corradini (1964), Sapere e libertà e altri saggi (1964-5), Sull'indole della ricerca politica: lezioni di dottrina dello Stato (1965), Pianificazione società potere (1970), Lezioni di storia della filosofia del diritto – volume primo (1971), Storicismo e dialettica (1978), La storia e l'uomo (1980). 


  video

È possibile vedere le immagini a schermo intero cliccando nel riquadro dei video in basso a destra (FULL SCREEN), per uscire premere ESC sulla tastiera in alto a sinistra.