Nella giurisprudenza italiana in virtù della legge 248 del 18 agosto 2000 anche i testi pubblicati su internet godono della tutela del diritto d’autore già stabilito dalla precedente legge 633 del 22 aprile 1941. La loro riproduzione integrale o parziale è pertanto libera in presenza di scopi culturali e al di là di contesti di lucro, da questo lecito uso fuori del consenso dello scrittore si devono necessariamente poter evincere i seguenti dati: il link del testo, il titolo, l’autore e la data di pubblicazione; il link della homepage del suo contenitore web. Copiare non rispettando queste elementari norme rappresenta un illecito.

mercoledì 31 agosto 2011

CONCORSO DI PITTURA A VICARI

associazione culturale IL BAGLIO di Vicari


VERBALE


L’associazione culturale IL BAGLIO di Vicari, presieduta da Giuseppe Pantelleria, ha bandito nel luglio 2011 un concorso di pittura di cui è stato designato giudice unico lo studioso Danilo Caruso, persona di competenza nelle discipline umanistiche, scrittore, collaboratore di testate editoriali a carattere informativo, culturale e artistico, socialmente impegnato nella valorizzazione e nella promozione dei beni culturali non solamente dei Monti Sicani.
Il 31 lug. 2011 nei locali della sede dell’associazione, dove sono state esposte le sei opere partecipanti alla competizione, è stata quindi determinata dal commissario unico di giudizio, con spirito di equanimità e usando parametri di obiettività nel contesto di quella che è la personale concezione dell’arte nella visione del giudicante, in maniera inappellabile e insindacabile, la seguente classifica con le motivazioni dei primi tre piazzamenti.


I AGAVE di Giuseppe Bandolo

«Nell’equilibrio cromatico e formale di uno squarcio della natura si trasmette un senso di primaverile serenità che dimora in questa rappresentazione.
L’agave – pianta importata in Europa dall’America – diventa un simbolo trasversale di unità spirituale del creato.
L’autore traduce magistralmente e con freschezza nel suo elaborato un pensiero di ordine dinamico.»

II ABBANDONO di Nino Iovino

«Il tema dell’abbandono, colto in una plastica significanza figurativa, fa emergere una profondità del sentire e coglie nell’aspetto paesaggistico una dimensione di questo spessore esprimendola con esempi attinenti alla specificità tradizionale siciliana: il classico carretto siciliano e la donna in secondo piano introducono un’idea di circoscrizione e di desertico isolamento.»

III OMAGGIO A ROSA BALISTRERI di Giuseppe Ciminato

«Nel richiamo a Rosa Balistreri si palesa un forte richiamo alla vitalità del proprio territorio.
La varietà e la vivacità dei colori uniti ai particolari raffigurati rievocano una tensione e un’ambizione isolane di crescita e prosperità: l’artista si fa interprete di quest’aspirazione e la traspone vigorosamente in immagine.»

IV ex aequo CESTO CON LIMONE di Maria Costanza / I FARAGLIONI DI SCOPELLO di Anna Maria Bernardi / OMAGGIO ALLA SICILIA di Chiara Callari


 
Vicari, li 31 luglio 2011


               Il giudice del concorso                                               Il presidente
                      Danilo Caruso                                               Giuseppe Pantelleria