Nella giurisprudenza italiana in virtù della legge 248 del 18 agosto 2000 anche i testi pubblicati su internet godono della tutela del diritto d’autore già stabilito dalla precedente legge 633 del 22 aprile 1941. La loro riproduzione integrale o parziale è pertanto libera in presenza di scopi culturali e al di là di contesti di lucro, da questo lecito uso fuori del consenso dello scrittore si devono necessariamente poter evincere i seguenti dati: il link del testo, il titolo, l’autore e la data di pubblicazione; il link della homepage del suo contenitore web. Copiare non rispettando queste elementari norme rappresenta un illecito.

martedì 2 novembre 2021

GUERRA BIOLOGICA SINOFOBICA IN JACK LONDON E PANDEMIA SPAGNOLA NEL CORSO DELLA GRANDE GUERRA

di DANILO CARUSO
 
Nel 1910 fu pubblicato il racconto londoniano “The unparalleled invasion”1. Tale “incomparabile invasione” ha come bersaglio la Cina, si svolge in un immaginario 1976 e viene condotta dalle potenze occidentali con a capo gli USA mediante un attacco biologico. La narrazione di London prende l’avvio dalla situazione mondiale a inizio del ’900 e via via si sviluppa in modo immaginario in relazione alla crescita della Cina. L’autore californiano prospetta un Impero cinese che, dopo essersi emancipato dalla sudditanza politica nei confronti del Giappone e aver assimilato la tecnologia industriale dell’Occidente, nell’arco del secolo, grazie alla sua filosofia di vita e alla notevolissima espansione demografica, assurge in modo pacifico al grado di prima forza produttrice e commerciale del pianeta. Il racconto trae suggestione da aspetti di politica reale americana maturati a partire dalla seconda metà dell’Ottocento quando iniziò l’emigrazione di massa cinese in direzione della sponda occidentale degli USA. Tra le preoccupazioni che emersero in breve tempo in seno all’opinione americana: la diffusione della prostituzione femminile e la suggestione del concubinato al cospetto del regime matrimoniale monogamico; la manodopera offerta a costi bassi; nonché la paura che i Cinesi portassero contagi dai quali fossero immuni. L’immigrazione cinese alla volta degli Stati Uniti sebbene avesse offerto manovalanza conveniente finì per allarmare i ceti dirigenti al punto di far emanare norme razziali con lo scopo di frenare l’ingresso nel Paese. Nel 1852 lo Stato della California emanò una legge che tassava mensilmente i lavoratori di provenienza estera. E il 26 aprile 1862 proseguì con un’altra legge che disincentivava l’afflusso migratorio verso lo Stato californiano. Per rendere meno competitiva la prestazione d’opera da parte dei Cinesi fu a loro imposta una tassa mensile attraverso una legge federale (lo “Anti-coolie act” del 19 febbraio 1862). Il federale “Naturalization act” del 1870 consentì ai provenienti dall’Africa di ricevere la cittadinanza statunitense ed escluse gli immigrati giunti dall’Asia, nonostante il Trattato di Burlingame di due anni prima avesse previsto liberi flussi emigratori verso gli USA. Tra parentesi: il precedente “Naturalization act” del 1790 aveva impedito che i non bianchi potessero essere naturalizzati. Nel 1873 la contea di San Francisco adottò un provvedimento che obbligava i carcerati al taglio dei capelli corti (“Pigtail ordinance”), il che colpiva volutamente in primis in funzione anti-immigratoria le treccine allora tradizionali dei Cinesi lunghe dietro la schiena. Era possibile derogare all’ordinanza sanitaria, comunque sospesa dal sindaco dell’epoca per via dei suoi contenuti xenofobici, in tre modi: rimanendo in carcere più a lungo del dovuto; assoggettandosi a una multa; prestando un servizio supplementare alla pena all’interno della prigione. Nei confronti di un Cinese di quei tempi il fatto di tornare in Patria, dopo aver accumulato risparmi all’estero, senza treccina rappresentava una cosa gravissima poiché quella coda di capelli costituiva il simbolo del rispetto nei riguardi della monarchia imperiale. L’ordinanza sanitaria di San Francisco fu presa a modello dallo Stato della California per emanare il 3 aprile 1876 una legge analoga, la quale fu a sua volta dichiarata incostituzionale dalla Corte suprema degli Stati Uniti perché discriminava in materia di omogenea tutela da offrirsi a tutte le persone presenti sul territorio della federazione (XIV emendamento della Costituzione degli USA). Del 3 marzo 1875 era tuttavia una legge federale (“Page act”) varata su proposta di un deputato californiano a scapito dell’immigrazione di donne asiatiche entrate nel territorio statunitense contro la volontà delle suddette e grazie all’intervento di sfruttatori (questi sanzionabili con carcerazione e multa). Si guardava al circuito della prostituzione e si istituirono controlli sugli ingressi delle donne cinesi, i quali furono incisivamente limitati (nel 1882 a fronte di quasi 40.000 arrivi di Cinesi c’erano fra di loro poco più di un centinaio di donne). Intorno al 1880 c’erano circa 100.000 Cinesi negli Usa concentrati soprattutto in California. Questo Stato nel 1879 escluse dalla partecipazione lavorativa i Cinesi presso le s.p.a. e il pubblico impiego. Nel 1882 un primo progetto di legge federale avanzato da un senatore californiano volto a fermare l’immigrazione cinese per un ventennio negli Stati Uniti fu respinto grazie al veto presidenziale poiché in contrasto con un accordo USA-Cina del 1880 il quale non chiudeva radicalmente le porte all’emigrazione. Nonostante ciò riproposto con durata decennale divenne legge. Emanato il 6 maggio 1882 il “Chinese exclusion act” stabiliva l’impossibilità di naturalizzazione nei riguardi dei Cinesi residenti negli USA e la proibizione dell’immigrazione al di fuori di particolari casi. Questa legge che in origine comportava un’interdizione decennale fu rinnovata nel ’92 e venne fissata con durata indefinita nel 1902. Fecero eccezione alla norma generale i soggetti di nazionalità cinese appartenenti alle seguenti categorie: viaggiatori occasionali temporanei, docenti/studenti, commercianti, appartenenti a corpo diplomatico. Nel 1889 la Corte suprema degli Stati Uniti decretò la regolarità del “Chinese exclusion act”. La percezione negli ambienti sindacali all’epoca di Jack London era che i capitalisti si servissero della manodopera cinese al fine di mantenere bassi i livelli salariali. In seguito al “Chinese exclusion act” la presenza cinese negli USA calò in un quarantennio da poco più di 100.000 a circa 60.000. La politica sinofobica americana spinse i Cinesi residenti negli Stati uniti ad aggregarsi in comunità solidali chiuse (China town) a scopo autoprotettivo. Queste aggregazioni furono in alcuni casi oggetto di violente aggressioni razziste che provocarono vittime. Possiamo ricordare i casi di Rock Springs nel 1885 e di Hells Canyon nel 1887. Il “Chinese exclusion act” fu soppresso il 17 dicembre 1943 a causa di una convenienza pratica, giacché i Cinesi erano dalla parte americana nel corso del secondo conflitto mondiale contro i Nipponici (le cui mire imperialistiche sono evocate da London in “The unparalleled invasion”). Nel 1948 il divieto californiano di matrimoni misti interrazziali fu sanzionato dalla Corte suprema degli Stati Uniti. Simili proibizioni sulla falsariga californiana furono sanzionate in toto nell’ambito federale nel 1967. Il Congresso espresse il suo rincrescimento per il “Chinese exclusion act” nel 2011-12 con due distinti pronunziamenti di Senato e Camera. Lo Stato della California ha fatto qualcosa di analogo nel 2014. Chiusa la rivisitazione storica e ritornando al filo della narrazione londoniana di “The unparalleled invasion” è da dirsi che qui lo scrittore californiano dipinge i Cinesi nel loro slancio espansivo globale quali pacifici, non inclini di propria iniziativa all’opzione bellica, ma solo concentrati sui contenuti commerciali. È dagli USA che viene fuori l’arma biologica di fronte all’inefficacia di un tentativo francese di invasione con gli strumenti militari di allora. La Cina al limite badava soltanto a una guerra difensiva. Fu negli Stati Uniti che Jacobus Laningdale, «uno scienziato del tutto poco noto, un professore di servizio nei laboratori dello Health Office di New York» ideò in segreto di provocare uno sterminio biologico nella enorme popolazione avversaria: «iI 19 settembre 1975 arrivò in Washington […], […] procedette diritto alla Casa Bianca, poiché già aveva ottenuto un’udienza dal Presidente. Restò in privato con il Presidente Moyer per tre ore. Quello che intercorse tra di loro non fu appreso dal resto del mondo per lungo tempo». L’epicentro di diffusione scelto per attuare l’indotta epidemia fu Pechino e lo strumento un attacco biologico condotto dall’aviazione. Piccoli dispositivi veicolanti contagio nel racconto sono presso i Cinesi causa oltre che di morte e di decimazione irrimediabile anche di disordini autodistruttivi. Il provocato genocidio cinese non ostacolò più una facile occupazione territoriale e la ricolonizzazione della Cina con genti occidentali. Jack London chiude la sua fantastoria così fra i vincitori: «I rappresentanti delle nazioni del mondo […] s’impegnarono solennemente a mai usare inter se i metodi di guerra biologica che avevano adottato nell’invadere la Cina». Nella realtà concreta di non molti anni dopo dal racconto londoniano si verificarono nello stesso spazio e nello stesso tempo: un’epidemia globale influenzale (denominata “spagnola”) e un conflitto bellico mondiale (il primo, la Grande guerra). Data l’impostazione della presente analisi storico-letteraria evocherò della storia reale nuovamente solo gli aspetti rilevanti per la tematica esaminata, evitando dispersive integrazioni di fondo. La prima cosa da dire è che al principio del 1918 la guerra mondiale nell’Europa centrale nella linea di confronto che andava da La Manica all’Adriatico era impantanata nello stallo cruento delle trincee. A marzo di quell’anno i Tedeschi progettarono di sfondare a ovest verso la Francia. Il piano che sembrava destinato al successo fallì per via della diffusione tra i soldati di un’improvvisa patologia influenzale. I Tedeschi non sfondarono, ma anche dalla parte opposta si accusò il colpo epidemico, compensato nel giugno del 1918 dall’arrivo del corpo militare americano intervenuto a sostegno dell’Intesa. Una seconda cosa da ricordare è che, mentre le normali influenze si manifestano nel periodo invernale, la “spagnola” ebbe un’incisiva comparsa estiva nel suddetto contesto di guerra. Gli Americani accusarono gli avversari tedeschi di aver usato un’arma biologica. Le ipotesi degli studiosi sul luogo di provenienza del virus sono formalmente divise e distinte. Prime avvisaglie di “spagnola” sono segnalate a metà degli anni Dieci negli USA presso la zona di un campo militare destinato all’addestramento, zona in cui poi venne certificata nel marzo del ’18. Nel continente europeo il centro di diffusione viene identificato a Ètaples, nel nord della Francia, e nei relativi insediamenti di soldati: il veicolo di trasmissione si circoscrive ai maiali. La catena di trasmissione virale all’uomo ipotizzata dagli scienziati a ritroso dai maiali porterebbe alle anatre e prim’ancora a uccelli selvatici. Nel mistero delle cause del virus in questione si pensa che esso abbia compiuto una mutazione pericolosa per gli umani nei maiali. Il genoma è stato sequenziato negli anni ’90, però la genesi è restata avvolta dall’impossibilità di trovare certezze. Un’ulteriore ipotesi mirante a localizzare un punto di origine virale parla della Cina del nord: nel novembre del ’17 fu accertata là dalla sanità cinese la diffusione della “spagnola”. Tale epidemia, assunta rapidamente a pandemia, incominciò la sua notorietà mediatica in Spagna (da ciò la denominazione), dove si manifestò nel corso della seconda metà dell’inverno all’inizio del ’18. In Italia fu certificata per la prima volta nel comune veneto di Sozzano a settembre. Nel frattempo, per quanto concerne il conflitto bellico mondiale, giunsero sul continente europeo a sostegno dell’Intesa i contingenti di soldati degli Stati Uniti a giugno. In questo mese gli Austriaci provarono a sfondare il fronte italiano sul Piave, però infruttuosamente. La “spagnola” nel settembre del ’18 colpì l’Alta Italia durante la sua seconda ondata generale (partita a luglio), la quale fu connotata da un considerevole numero di morti e da una veloce diffusione nelle zone di guerra. Non si è ben capito il passaggio all’aggressività superiore dalla prima alla seconda ondata. Una variazione virale? Il concorso parallelo aggiuntivo di polmoniti batteriche? Quel che si sa chiaramente è che l’epidemia provocò nel complesso mezzo miliardo di contagi e cento milioni di decessi su una popolazione globale di circa due miliardi di esseri umani. I morti furono dunque intorno al 5% e i contagiati al 25%. L’aspettativa di vita media in seguito alla “spagnola” subì un calo di più di un decennio. I soggetti più sensibili al fenomeno epidemico furono le donne incinte, i ventenni e i trentenni. Si pensa che il sistema immunitario dei giovani in questione producesse cascate citochiniche difensive sproporzionatamente grandi a differenza delle rimanenti fasce d’età. Nel cuore dell’autunno del ’18 intanto l’alleanza occidentale Intesa-USA rigettò indietro il tentativo di vittoriosa avanzata austro-tedesco vincendo la Prima guerra mondiale, fra i vincitori l’Italia. Da novembre di quell’anno i contagiati furono sempre di meno, consentendo il transito alla terza più nettamente leggera ondata, scemata al principio del 1919. La storia politico-militare dal canto suo a gennaio del ’19 contemplò la parigina conferenza di pace dove gli USA del presidente Wilson giocarono un ruolo di primissimo piano. Dell’epidemia spagnola degno di nota rammentare il fatto che il nonno paterno di Donald Trump, Frederic, vi sia rimasto vittima. Nel corso della pandemia gli scienziati di allora non riuscirono a inquadrare l’agente patogeno, si credeva trattarsi di un batterio; negli anni ’30 fu stabilito fosse un virus influenzale. La pandemia “spagnola” colpì a tal punto la sensibilità comune da rimanere nel tempo a venire un argomento storico
quasi tabù.
 

NOTE

Questo scritto fa parte del mio saggio intitolato “Radici occidentali
 
1 A Jack London (1876-1916) ho dedicato metà di un mio saggio: